Seguici e condividi:

Il successo della seconda edizione del GDPR Day è il risultato del mix di ingredienti eccellenti: contenuti, formatori, sponsor e partnership.

La seconda Edizione del GDPR Day riconferma il successo della prima, con tanti partecipanti e grande entusiasmo rispetto al format e i contenuti proposti. Un successo che ribadisce la necessità di portare nelle aziende, in giro per l’Italia, formazione di qualità sul GDPR. Un successo che di certo verrà replicato con i nuovi appuntamenti già annunciati dagli organizzatori, Samuel lo Gioco di Inside Factory e Federico Lagni di AreaNetworking.it. Per non perdere le novità in arrivo, basta seguire il sito internet e la pagina Facebook di GDPR Day.

Il valore aggiunto dei relatori indipendenti

Quattro le tappe appena concluse: Torino, Verona, Bologna e Catania da nord a sud dello stivale. Un importante afflusso di pubblico ma soprattutto interesse e interazioni crescenti. Il GDPR Day si conferma un evento che soddisfa i partecipanti per i contenuti, e quindi i relatori, ma anche per il grande merito di dare spazio al confronto. Si sono alternati sui quattro palchi del GDPR Day, Avvocati, Consulenti ed Esperti forensi che hanno proposto i loro speech relativi alla normativa europea e all’adeguamento nazionale, con grande chiarezza e con grande disponibilità verso la platea. Non sono mancati quindi i momenti di scambio ed interazione, che hanno permesso di approfondire questioni di maggiore interesse per il pubblico in sala.

Gli sponsor dell’evento

Oltre ai relatori, fondamentale è stato inoltre il contributo degli sponsor. Hanno deciso di proseguire il cammino del GDPR Day insieme agli organizzatori: Achab, SISECONetwrixDigiTree. L’adesione degli sponsor è fondamentale per l’organizzazione del tour e gli organizzatori non possono che ringraziare chi ha nuovamente creduto nell’iniziativa. Ma la qualità degli sponsor del GDPR Day si rivela anche dai contenuti offerti: oltre alla propria esperienza, hanno proposto soluzioni ready-to-go per far fronte alle diverse problematiche relative al GDPR: Data Breach, soluzioni Cloud compliant, sicurezza e recovery. Un ulteriore contributo per i partecipanti che si sono così potuti andare a casa, oltre che con una formazione di qualità, anche con un ventaglio di soluzioni di possibile implementazione.

Tutto confermato dai partecipanti, come scrive Fiorella Cima, Founder, CEO & Project Manager di Studio Storebelt:

Il GDPR Day di Torino è stato interessante, formativo e utile professionalmente. Il nostro studio offre consulenza aziendale in particolare nell’ambito della formazione. Sappiamo bene quindi quanto sia importante per le imprese cogliere l’occasione della compliance regolatoria per rendere sempre più attuale la propria organizzazione e in grado di rispondere alle sfide del mercato. Il GDPR Day è stata proprio l’occasione di attuare questo principio: sono stati approfonditi i nuovi aspetti regolatori ma sono stati illustrati anche nuovi strumenti e servizi che alcune aziende hanno proposto per rispondere alle richieste della nuova normativa. Come diceva Marty Feldman “Si può fare!”

I patrocini e il riconoscimento della Commissione Europea

Infine non si può non ricordare un riconoscimento importante dato al tour: il patrocinio della Commissione europea. Insieme a questo, anche quelli di altri operatori del settore quali: Stati Generali dell’innovazione, AICA, (ISC)2 Italy Chapter, Inforav, Anipa, Uninfo e Anitec-Assinform. Assieme a questi, gli organizzatori ringraziano i Media partner dell’evento: DataManager On Line, Top Trade, BitmatIT Espresso, Computer World, Channel Biz, Silicon, Zeroventiquattro, Trade Manager, TechVideo.tv, ITIS Magazine.

Un lavoro di squadra quindi, che ha permesso alle otto tappe del 2018 di rivelarsi fra i migliori eventi di formazione sul GDPR a livello nazionale. Un impegno che non si ferma qui. Nuove tappe del tour già in programma per il 2019 a Roma e Milano con tante novità per gli operatori del settore.

Per rimanere aggiornati e non perdere le novità in arrivo: www.gdprday.it